lunedì 30 gennaio 2012

Biscotti rustici versione gocce di cioccolato



2 settimane fa avevo fatto questi biscotti con le mele... sabato li ho rifatti ma al posto delle mele ho messo gocce di cioccolato bianco e fondente.

venerdì 27 gennaio 2012

Bocconcini di pollo

Buongiorno... oggi vi posto questa ricettina semplicissima ma buonissima... alla cena abbuffet ha avuto un successone :-))

Ingredienti:
Bocconcini di pollo (circa 4/5 a testa)
Pancetta o crudo (una fetta ogni bocconcino)

Procedimento:
Il tutto è molto semplice..
Se avete il petto intero fatelo a bocconcini


mercoledì 25 gennaio 2012

Hamburger Vegetali

No, non sono diventata vegetariana non c'è pericolo.. Volevo solo un modo per mangiare "schifezze" senza farlo in realtà :-) ...

lunedì 23 gennaio 2012

Sale aromatico

Prendendo spunto da questa ricetta, per Natale avevo fatto il sale aromatico usando:

500 gr di sale grosso, rosmarino, salvia, alloro, timo, maggiorana, origano, erba cipollina.

Frullato il tutto e invasettato.

Semplice, profumato e utilissimo visto che l'ho usato per preparare la peperonata, nelle polpette e sulle zucchine.
Molto utile anche per la carne e per sughi.

La cena di sabato




Queste foto sono state fatte intanto che sistemavo la cucina, poi è arrivata la mia amica con la bimba e le foto della tavola apparecchiata mi son dimenticata di farle :-s
Comunque c'è tutto anche se qualcosa non è ancora cotto.

Vediamo il menù:
- Muffin salati
- Polpette di carne e zucchine
- Barchette ripiene
- Spiedini di zucchine ripiene
- Bocconcini di pollo
- Peperonata
- Melanzane pizzettose
- Pasta al forno
- Polpette di pane
- Panini con sorpresa
- Pane di farina di kamut e farro
- Apple pie

Forse ho esagerato con la quantità di roba visto che eravamo in 6, abbiamo cenato, ho distribuito panini e peperonata alle mie amiche, 2 vassoi di roba li ho portati a mia mamma e con la pasta ci abbiamo cenato anche io e smi domenica sera (e ci cenerò anche stasera). Però sembra essere piaciuto tutto :-)

giovedì 19 gennaio 2012

Per Stella...

Innanzitutto io le patate al forno le faccio in padella, al forno non mi riescono...
Le taglio a dadini, metto in una pentola con acqua salata e le faccio scottare un po'... Scolo e trasferisco in padella, rosmarino ed eventualmente aggiusto di sale.
Di solito così in mezz'oretta ho fatto le patate.
Più le fai bollire meno le devi far cuocere dopo ma più ti escono a purè.
Io così facendo sono sicura che mi escono croccanti e cotte, altrimenti se le metto direttamente in padella mi ci vuole una vita e poi non mi sembrano mai cotte (bruciacchiate fuori e dure dentro... 'na schifezza)
Purtroppo le patate mi escono sempre perfette al gusto ma non alla vista.

Per la tua cena visto che fai già un secondo importante (fai anche la polenta?) direi che il primo può rientrare nella categoria "buono ma veloce"... Io con arrosto, patate e polenta salterei il primo magari facendo qualche antipasto in più, visto che è già un piatto completo (carboidrati nelle patate e nella polenta e proteine nella carne) però se vuoi un primo, eccoli...

Pasta al forno (io sabato la farò solo con delle verdure e besciamella, leggera)
Melanzane alla parmigiana
Crespelle
Visto che fai l'arrosto alla birra potresti proporre questa pasta fresca alla birra, sarà che a me piace fare le cose a tema ma la trovo interessante come ricetta (ce l'ho nelle cose da provare)
Degli gnocchetti di zucca conditi semplicemente con burro e salvia
Delle tagliatelle, magari con la pasta fresca colorata (aggiungi all'impasto barbabietole, concentrato di pomodoro, zafferano, nero di seppia, spinaci)
Se vuoi fare dei ravioli/casoncelli ti consiglio questi ... però calcolane 3 a testa che le patate del ripieno riempiono non poco..

Il risotto te lo sconsiglierei perchè riempie troppo, anche a farne in quantità minori ho paura che poi non ti apprezzano l'arrosto.

A questo punto dipende la tua ricetta dell'arrosto se prevede la cottura al forno o in padella.

Io comunque, ripeto, starei sul "niente primo" oppure su qualcosa che sta in forno così non devi stare troppo ai fornelli e ti godi gli ospiti :-)

Muffin salati

Sabato sera ho degli amici a cena, saremo in 6 + 1.
Dato che non ho voglia di cucinare mentre ci sono loro volevo fare qualcosa che potevo fare prima di modo da stare anche io seduta a chiacchierare.

Idea trovata: Cena Abbuffet

lunedì 16 gennaio 2012

Biscotti con farina ai cereali e mele

Come promesso ecco la ricettina di questi buonissimi biscotti :-)

Ingredienti:
300 gr di mix farina ( 150 gr farina per pane nero ai 7 cereali – 100 gr farina integrale – 50 gr farina bianca "00")
100 gr di fecola di patate
2 mele a pezzettini
160 gr di zucchero (io qui ho usato metà zucchero di canna perchè l'avevo da finire)
160 gr di burro
1 bustina di lievito per dolci
2 uova
1 pizzico di sale (1 cucchiaino)
1 bustina di vanillina
1 cucchiaino di cannella


Procedimento:
Lasciate a temperatura ambiente il burro finchè è bello morbido e lavoratelo insieme con lo zucchero. Aggiungete le uova, il sale, la cannella, la vanillina, la fecola e le mele a pezzettini.
Unite il mix di farine e il lievito e dovrebbe uscirvi una pastella + o - così (la foto fa veramente pena, chiedo venia ;-p)
Foderate una teglia da forno con carta forno, con un cucchiaio prelevate un pò di impasto e formate delle palline mettendole sulla teglia tenendole un po’ distanti perchè poi i biscotti cresceranno... così...
 Io li ho cotti per circa 17 minuti in forno caldo a 170° 
 poi li ho messi a freddare su di una griglia e inscatolati
A me con queste dosi ne sono usciti 62 pezzi :-)
Kcal per biscotto = 57,01

Buona biscottata ^_^

sabato 14 gennaio 2012

mercoledì 11 gennaio 2012

Marmellata di kiwi

Ed eccomi a voi con un'altra marmellatina di stagione.
A novembre mio zio mi ha regalato una cassetta di kiwi (cassettina di 15 kg circa) però non posso fare indigestione di kiwi, giusto?

Prendiamo quindi 1 kg di kiwi puliti, 500 gr di zucchero (io uso anche una bustina di fruttapec 2:1 per ridurre i tempi di cottura)
Io qui ho fatto doppia dose visto che abbondavo di materia prima..

Mettete i kiwi puliti in una padella bella capiente... Io qua vi consiglio di dare una frullatina ai kiwi, altrimenti restano troppi pezzi.








Aggiungete lo zucchero








Il fruttapec








E mettete tutto sul fuoco... mischiate bene... portate a bollore e lasciate bollire per 5/7 minuti, trascorsi i quali procedete alla prova piattino (prendete un cucchiaino di marmellata, mettetelo su un piattino e in freezer per 2 minuti. Togliete e inclinate il piattino, se la marmellata scivola dal piattino troppo velocemente è ancora liquida, altrimenti potrebbe essere pronta... comunque regolatevi voi con la consistenza che preferite).
Nel frattempo sterilizzate i vasetti facendoli bollire in acqua o in forno.

Quando la marmellata è pronta invasettate il tutto.
Capovolgete i vasetti e lasciate raffreddare così.









Una volta freddi etichettate e conservate in luogo fresco ed asciutto...
Come tutte le marmellate se la assaggiate dopo una settimana/10 giorni è sicuramente + buona però nessuno vi impedisce di assaggiala anche il giorno dopo :-))





Buona marmellata ^_^


Lo sapevate che...
 
- E’ sufficiente un kiwi al giorno per soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina C del nostro organismo.
- La vitamina C è l’indiscutibile regina di questo frutto: esso ne è ricchissimo e per tale motivo è molto utile
   per:
  •  Prevenire e curare raffreddore ed influenza.
  •  Rinforzare il sistema immunitario, fungendo da supporto alla terapia contro il cancro e contribuendo ad allungare la vita del paziente.
  •  Alleviare - prevenire i problemi circolatori connessi con la gravidanza - quinto /nono mese (pesantezza alle gambe, telangettasia, vene varicose ed emorroidi).
  • Combattere l’anemia e le conseguenze della dieta vegetariana nonché la generale debolezza dell’organismo.
  •   Proteggere il corpo dagli effetti dei radicali liberi: un’alimentazione ricca di vitamina C, aiuta ad “invecchiare bene” e può essere molto più efficace di creme, lozioni e integratori
  • Combattere i composti chimici tossici come initrati, i nitriti e le sostanze chimiche prodotte nella
    preparazione degli alimenti e durante la digestione.
  • Favorire la salute di denti, gengive e vasi sanguigni,la cicatrizzazione, e la sintesi del collagene (che
    rende elastici i tessuti); la vitamina C aiuta a prevenire l’infarto, la cataratta e l’arteriosclerosi.
    L’insufficiente assunzione di vitamina C è la causa principale dello scorbuto dei marinai.
  • Espellere il colesterolo dall’organismo: l’acido ascorbico interviene nella trasformazione del colesterolo in sali biliari.
  • Riequilibrare la carenza di ascorbato nel sangue dei fumatori. 
- Il kiwi è ricco di fibra solubile ed insolubile: può costituire dunque un valido ausilio contro la stipsi,
  dato l’intenso potere lassativo delle fibre stesse.
- L’elevato contenuto di potassio, rende il Kiwi un alimento molto utile sia per prevenire disturbi quali
   tensione arteriosa,depressione, stanchezza e disordini dell’apparato digerente,sia per gli sportivi in
   particolare, proteggendoli dai crampi muscolari.
- Il calcio ed il fosforo, presenti anch’essi in grande quantità, svolgono un’azione protettiva sulle ossa,
  prevenendo o aiutando a combattere l’osteoporosi. Molto utili in gravidanza.
- La ricchezza di minerali, quali il magnesio ed il ferro, rende il Kiwi un vero e proprio tonico contro
  lo stress quotidiano. Il magnesio in particolare, favorisce la concentrazione e la produzione energetica del
  cervello, nonché la forza muscolare.
- Il kiwi è altresì consigliato a chi soffre di un’elevata pressione arteriosa, data la minima componente di
   sodio.
- Actinidia è anche il nome di un enzima, presente nel kiwi, che favorisce la digestione.

Cenni storici del kiwi
La pianta del kiwi è originaria della Cina ( ne esistono oltre 400 specie ), si presenta sottoforma di liana rampicante e può superare i dieci metri in altezza; La varietà più diffusa è la Hayward che rappresenta circa il 95% delle coltivazioni totali.

Il kiwi fu esportato in America, per la prima volta nel 1962 e da quel momento fu chiamato kiwifruit, dal nome dell’uccello kiwi, emblema del Paese della Nuova Zelanda. Solo nel 1970 fece il suo ingresso in Italia e attualmente, viene prodotto in diverse varietà, principalmente in Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Puglia. Secondo dati della FAO (Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura) relativi al 2005, i principali produttori al mondo di questo frutto, sono l’Italia con 480.000 tonnellate, la Nuova Zelanda con 280.000 tonnellate, seguite da Cile e Francia, rispettivamente con 150.000 e 80.000 tonnellate annue di produzione. Nella nostra penisola sono molto note le coltivazioni di Borgo d’Ale, in provincia di Vercelli, e Latina, quest’ultima produttrice del “kiwi latina”, iscritto all'Albo delle denominazioni di origine dell’Unione Europea come prodotto IGP (Indicazione Geografica Protetta).

Fonte: qui e la nel web

lunedì 2 gennaio 2012

Crostata alle 3 marmellate

Sabato sera eravamo a casa di amici, io dovevo fare il panettone gastronomico ma avevo in freezer un po' di pasta frolla e mi sono detta: "massì, quasi quasi faccio una crostatina" ...
La sera prima avevamo fatto la marmellata di kiwi, il 2011 è stato il 150° compleanno d'italia, quindi una torta col tricolore ci poteva benissimo stare :-)



Ok, io esagero con la marmellata ... l'aspetto non sarà dei migliori ma il gusto ha ottenuto l'approvazione di tutti i commensali ^_^

Per questa crostata ho usato:
Pasta frolla (La ricetta ve la posto appena torno dalla vacanza :-) )
Marmellate fatte da me: kiwi, pere, ciliegie
Zuccherini colorati per decorare

Ricordatevi di bucherellare con una forchetta la pasta prima di mettere la marmellata (altrimenti vi fa le bolle)
In forno preriscaldato a 180/200° per 20 min circa
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...