mercoledì 11 gennaio 2012

Marmellata di kiwi

Ed eccomi a voi con un'altra marmellatina di stagione.
A novembre mio zio mi ha regalato una cassetta di kiwi (cassettina di 15 kg circa) però non posso fare indigestione di kiwi, giusto?

Prendiamo quindi 1 kg di kiwi puliti, 500 gr di zucchero (io uso anche una bustina di fruttapec 2:1 per ridurre i tempi di cottura)
Io qui ho fatto doppia dose visto che abbondavo di materia prima..

Mettete i kiwi puliti in una padella bella capiente... Io qua vi consiglio di dare una frullatina ai kiwi, altrimenti restano troppi pezzi.








Aggiungete lo zucchero








Il fruttapec








E mettete tutto sul fuoco... mischiate bene... portate a bollore e lasciate bollire per 5/7 minuti, trascorsi i quali procedete alla prova piattino (prendete un cucchiaino di marmellata, mettetelo su un piattino e in freezer per 2 minuti. Togliete e inclinate il piattino, se la marmellata scivola dal piattino troppo velocemente è ancora liquida, altrimenti potrebbe essere pronta... comunque regolatevi voi con la consistenza che preferite).
Nel frattempo sterilizzate i vasetti facendoli bollire in acqua o in forno.

Quando la marmellata è pronta invasettate il tutto.
Capovolgete i vasetti e lasciate raffreddare così.









Una volta freddi etichettate e conservate in luogo fresco ed asciutto...
Come tutte le marmellate se la assaggiate dopo una settimana/10 giorni è sicuramente + buona però nessuno vi impedisce di assaggiala anche il giorno dopo :-))





Buona marmellata ^_^


Lo sapevate che...
 
- E’ sufficiente un kiwi al giorno per soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina C del nostro organismo.
- La vitamina C è l’indiscutibile regina di questo frutto: esso ne è ricchissimo e per tale motivo è molto utile
   per:
  •  Prevenire e curare raffreddore ed influenza.
  •  Rinforzare il sistema immunitario, fungendo da supporto alla terapia contro il cancro e contribuendo ad allungare la vita del paziente.
  •  Alleviare - prevenire i problemi circolatori connessi con la gravidanza - quinto /nono mese (pesantezza alle gambe, telangettasia, vene varicose ed emorroidi).
  • Combattere l’anemia e le conseguenze della dieta vegetariana nonché la generale debolezza dell’organismo.
  •   Proteggere il corpo dagli effetti dei radicali liberi: un’alimentazione ricca di vitamina C, aiuta ad “invecchiare bene” e può essere molto più efficace di creme, lozioni e integratori
  • Combattere i composti chimici tossici come initrati, i nitriti e le sostanze chimiche prodotte nella
    preparazione degli alimenti e durante la digestione.
  • Favorire la salute di denti, gengive e vasi sanguigni,la cicatrizzazione, e la sintesi del collagene (che
    rende elastici i tessuti); la vitamina C aiuta a prevenire l’infarto, la cataratta e l’arteriosclerosi.
    L’insufficiente assunzione di vitamina C è la causa principale dello scorbuto dei marinai.
  • Espellere il colesterolo dall’organismo: l’acido ascorbico interviene nella trasformazione del colesterolo in sali biliari.
  • Riequilibrare la carenza di ascorbato nel sangue dei fumatori. 
- Il kiwi è ricco di fibra solubile ed insolubile: può costituire dunque un valido ausilio contro la stipsi,
  dato l’intenso potere lassativo delle fibre stesse.
- L’elevato contenuto di potassio, rende il Kiwi un alimento molto utile sia per prevenire disturbi quali
   tensione arteriosa,depressione, stanchezza e disordini dell’apparato digerente,sia per gli sportivi in
   particolare, proteggendoli dai crampi muscolari.
- Il calcio ed il fosforo, presenti anch’essi in grande quantità, svolgono un’azione protettiva sulle ossa,
  prevenendo o aiutando a combattere l’osteoporosi. Molto utili in gravidanza.
- La ricchezza di minerali, quali il magnesio ed il ferro, rende il Kiwi un vero e proprio tonico contro
  lo stress quotidiano. Il magnesio in particolare, favorisce la concentrazione e la produzione energetica del
  cervello, nonché la forza muscolare.
- Il kiwi è altresì consigliato a chi soffre di un’elevata pressione arteriosa, data la minima componente di
   sodio.
- Actinidia è anche il nome di un enzima, presente nel kiwi, che favorisce la digestione.

Cenni storici del kiwi
La pianta del kiwi è originaria della Cina ( ne esistono oltre 400 specie ), si presenta sottoforma di liana rampicante e può superare i dieci metri in altezza; La varietà più diffusa è la Hayward che rappresenta circa il 95% delle coltivazioni totali.

Il kiwi fu esportato in America, per la prima volta nel 1962 e da quel momento fu chiamato kiwifruit, dal nome dell’uccello kiwi, emblema del Paese della Nuova Zelanda. Solo nel 1970 fece il suo ingresso in Italia e attualmente, viene prodotto in diverse varietà, principalmente in Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Puglia. Secondo dati della FAO (Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura) relativi al 2005, i principali produttori al mondo di questo frutto, sono l’Italia con 480.000 tonnellate, la Nuova Zelanda con 280.000 tonnellate, seguite da Cile e Francia, rispettivamente con 150.000 e 80.000 tonnellate annue di produzione. Nella nostra penisola sono molto note le coltivazioni di Borgo d’Ale, in provincia di Vercelli, e Latina, quest’ultima produttrice del “kiwi latina”, iscritto all'Albo delle denominazioni di origine dell’Unione Europea come prodotto IGP (Indicazione Geografica Protetta).

Fonte: qui e la nel web

5 commenti:

  1. Grazie per l'info! Mo' stampo la pagina e la porto a mia madre che adora fare marmellate, conserve e via dicendo!
    Ciuao!

    RispondiElimina
  2. Prego... il + è sempre pulire la frutta :-)

    RispondiElimina
  3. interessante questa marmellata di kiwi
    da oggi sono una tua sostenitrice
    se ti va passa da me

    RispondiElimina
  4. proviamo a vedere se riesco a commentare... Sì... se entro con l'opzione Nome/Url ce la faccio...bene!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...