venerdì 13 aprile 2012

e SPONGADA fù!!!

Da NON confondere con la spongata che è un dolce tipico natalizio dell'emilia romagna ...
Molti di voi non le conosceranno... anzi, se non siete della Valcamonica o limitrofi, probabilmente non sapete cosa sono... La spongada è un dolce tipico pasquale nella nostra zona, la più famosa è la "Spongada de bré" ma ogni casalinga e ogni pasticceria di ogni paese ha la sua ricetta che sforna per Pasqua.

Queste sono le mie, ho preso la ricetta da questo pdf, preso dal sito del distretto culturale della Valle Camonica, che ha sua volta è stata tratta dal libro “Cucina Camuna “ (Edizione 1987) di Ducoli Giacomo (Fio)

Vi riporto la ricetta originale e poi sotto la mia versione con la tabella di marcia...

INGREDIENTI per il LIEVITO:
130 grammi di lievito di birra;
200 grammi di farina bianca;
latte quanto basta per un impasto consistente;
ESECUZIONE
lasciare lievitare per almeno 30-40 minuti in ambiente caldo
INGREDIENTI 1° impasto
400 grammi di zucchero;
280 grammi di burro
(possibilmente fresco e nostrano);
5 uova intere;
4 tuorli d'uova;
900 grammi di farina bianca;
Un pizzico di vanillina;
Sale quanto basta
ESECUZIONE
Mettere insieme tutti gli ingredienti dell'impasto, lavorarli bene e infine aggiungere il lievito. Lavorare ancora a lasciare riposare per almeno 3 ore in ambiente caldo.
INGREDIENTI 2° impasto
400 grammi di zucchero;
280 grammi di burro;
5 uova intere;
4 tuorli d'uova;
Un pizzico di vanillina;
Sale quanto basta;
30 grammi di lievito di birra;
Farina bianca quanto basta.
ESECUZIONE
Mettere insieme le uova, lo zucchero, il burro, il lievito, il sale, la vanillina; sbattere questo impasto, aggiungere il precedente che si dovrà essere nel frattempo ben lievitato. Aggiungere poi la farina fino a ottenere un impasto piuttosto tenero. Quest'ultima lavorazione dovrà durare almeno un'ora. Mettere il tutto in un recipiente non metallico e lasciare lievitare per qualche ora. Quando tutto sarà ben lievitato, tagliare dei pezzi del peso di 150 grammi fare una palla poggiandola su assi di legno. Lasciarle lievitare fino a che saranno quasi il doppio del volume originale in ambiente caldo. Togliere dall'ambiente caldo e portarle in ambiente freddo per almeno un'ora. Tagliare nel mezzo ogni “Spongada” con taglio quasi totale. Le “Spongade” sono così pronte da mettere nel forno. Cuocere in forno a 180 gradi per circa 20 o 25 minuti, senza però aprire il forno. Vanno poi spolverate con zucchero a velo.

Qui sotto la mia versione, non aspettatevi troppe foto perchè a un certo punto non capivo + dove andava la pasta :-s

INGREDIENTI per il LIEVITO:
125 grammi di lievito di birra (5 panetti)
150 grammi di farina manitoba + 50 gr farina "0";
140 gr di latte;
ESECUZIONE
Iniziato a preparare il lievito il venerdì sera alle ore 19.30 e lasciato lievitare a temperatura ambiente (circa 19.5 gradi) fino alle 21.30

INGREDIENTI 1° impasto
400 grammi di zucchero;
280 grammi di burro morbido;
6 uova intere;
4 tuorli d'uova;
900 grammi di farina bianca (metà manitoba metà "0");
Un pizzico di vanillina;
Sale quanto basta
Il mio problema è stato impastare... ho la macchina del pane piccola e quindi ho dovuto dividere gli impasti in 2, lavorando un'impasto alla volta..
ESECUZIONE
Alle 21.30 ho ripreso il lievito che era diventato così..
Mettere insieme tutti gli ingredienti dell'impasto, lavorarli bene  e infine aggiungere il lievito (io li ho lavorati per 30 minuti ciascuno). Lavorare ancora e poi ho lasciato tutti e due gli impasti fino alla mattina alle 8.30 sul tavolo della cucina.
INGREDIENTI 2° impasto
400 grammi di zucchero;
280 grammi di burro morbido (toglietelo la sera prima);
4 uova intere;
4 tuorli d'uova;
Un pizzico di vanillina;
Sale quanto basta;
40 grammi di lievito di birra;
800 gr Farina bianca (metà manitoba metà "0").
Qui l'impasto si fa sempre più abbondante e ho fatto le divisioni per 4 (purtroppo mi si sono allungati tantissimo i tempi anche nell'impastare ma d'altronde non avendo altri mezzi ci si adatta)

ESECUZIONE
Partenza ore 8.30
Mettere insieme le uova, lo zucchero, il burro, il lievito, il sale, la vanillina; sbattere questo impasto, aggiungere il precedente che si dovrà essere nel frattempo ben lievitato. Aggiungere poi la farina fino a ottenere un impasto piuttosto tenero. Quest'ultima lavorazione l'ho fatta durare 30 minuti ad impasto.
 Mettere il tutto in un recipiente non metallico e lasciare lievitare per 2 ore in forno caldo a 30° con un pentolino di acqua per creare l'umidità. Quando tutto sarà ben lievitato, tagliare dei pezzi del peso di 120/130 grammi fare una palla poggiandola su carta da forno e quindi su una teglia. Lasciarle lievitare fino a che saranno quasi il doppio del volume originale in ambiente caldo.  Tagliare nel mezzo ogni “Spongada” con taglio quasi totale.

 Le “Spongade” sono così pronte da mettere nel forno ben caldo. Cuocere in forno a 180 gradi per circa 20  minuti, senza però aprire il forno. Vanno poi spennellate con uovo e latte e spolverate con zucchero semolato.

Ricapitolando:
Ore 19.30 del venerdì  preparazione lievito
Ore 21.30 del venerdì preparazione 1° impasto
Ore 08.30 del sabato preparazione 2° impasto
Ore 11.00 del sabato preparazione palline di 120/130 gr
Ore 14.00 del sabato inforno la prima teglia

Un lavoraccio, lo so ma ne è valsa la pena :-)))


Ovviamente mentre infornavo sono passati i miei e hanno pensato bene di portarsi via quelle già pronte... In totale però me ne sono uscite circa 32, alcune regalate e qualcuna sono riuscita a salvarla e metterla in freezer... Sono comunque buonissime anche dopo 1 o 2 giorni nel latte... Ah una cosa non vi ho detto, questo è un dolce ma provatele con del salame nostrano, il vostro palato vi ringrazierà ^_^


E, visto che sono ancora in tempo, partecipo al contest di "Nuvole di farina"

16 commenti:

  1. le consocevo di nome ma non sapevo cosa fossero, per fortuna cla sei arrivata tu. Un bacio e grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)meno male che ogni tanto sono utile eheheh... sono da assaggiare però ^_^

      Elimina
  2. Ciao!!!
    Come hai intuito, io non le conoscevo affatto!!! Però sembrano buonissime anche se un po' laboriose!
    Sono convinta che però saranno usciti buonissimi e dopo che soddisfazione!!! ^_^
    Bravissima! Un bacio, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, come lavorazione, le associo al panettone e alla colomba... da fare una volta all'anno ^_^

      Elimina
  3. Marooonnna.... sono le 22,45; La Pupa davanti alla TV, il Niko al pc con l'acquolina in bocca... 'n ce la fò... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'ho pensato a spedirtene una ^_^

      Elimina
  4. Preparazione lunga, risultato eccezionale. Ma è meglio quando te le regalano già pronte o quando le fai con le tue mani? Io preferisco la seconda. Sul mio blog c'è un premio per te, spero che ti faccia piacere. Buon week-end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che la soddisfazione i mangiare le priprie non ha prezzo... grazie pe il premio ^_^

      Elimina
  5. mi piace perchè ci fai vedere tutti i passaggi che per me almeno che non la conoscevo è fondamentale, complimenti per il risultato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille... mi piace far vedere i passaggi perchè mi piace vederli nelle ricette che provo :-)

      Elimina
  6. che buone! Un lavoraccio ma il risultato è ottimo! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente un lavoraccio ma ne vale la pena ^_^

      Elimina
  7. Ciao, piacere di trovarti! Molto dettagliata la tua ricetta, un invito a provarci..il risultato è molto invitante e per me assolutamente una novità ;-)

    RispondiElimina
  8. vabbè, ma cosi non vale... la mia dieta?Uff!!!
    Complimenti davvero..appena ritorno nei miei vestiti la preparo...
    da oggi mi unisco al tuo gruppo
    ciao a presto
    fulvia

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...